Con gli addii di Niang e Ljajic sono mutate le gerarchie nell’attacco del Torino: per Mazzarri, Edera è ora tra le prime alternative ai titolari

“In attacco siamo in tanti” ripeteva, quasi come un mantra, Walter Mazzarri. È accaduto però che nel giro di 48 ore, o poco meno, il Torino di colpi in uscita ne piazzasse due. Prima Niang coronava i suoi sogni transalpini trovando casa al Rennes, poi Ljajic sorprendeva (quasi) tutti e partiva, con i favori dell’alba, alla volta di Istanbul, per firmare con il Besiktas. Esponenziali da calciomercato, con quella curva che, da piatta che era, è cresciuta in modo improvviso. E ha segnato il cambiamento. Perché, ora, l’attacco che WM vedeva sovraffollato si è spopolato drasticamente. Ci sono i titolari delle prime uscite, Falque e Belotti, c’è il colpo da novanta del 17 agosto, Simone Zaza. E poi c’è il ragazzino, che all’anagrafe è sempre Simone, ma che i tifosi granata mai confonderebbero con il compagno di reparto, seppur più blasonato. Edera in granata si è fatto un nome. Se non altro perché, con questa maglia, ha vissuto tutta la sua breve vita calcistica.

Torino, Mazzarri-Edera: un rapporto di fiducia nato immediatamente

Mazzarri non ne ha mai fatto mistero: dal classe ‘97 è rimasto folgorato, da subito. Lo dimostrano quei dieci minuti nell’ultimo derby – a poco più di un mese dal suo arrivo sulla panchina granata – dove lo ha lanciato nella mischia preferendolo proprio a Ljajic. Lo dimostra, soprattutto, un finale di stagione da 225’ in sette partite, ovvero più di un terzo del minutaggio accumulato nel corso dell’intero campionato. Da Bormio in poi, nulla sembra essere cambiato. E nemmeno le troppe alternative hanno fatto recedere il tecnico di San Vincenzo, che su di lui ha continuato a puntare forte.

Edera: da sesto attaccante a utile alternativa. E per il Torino camaleontico…

Proprio adesso che le gerarchie si sono rivoluzionate arriva il bello, per Edera. Ora l’ex Primavera si ritrova ad un passo dai titolari: quarto in una immaginaria linea dinastica, per quanto questo possa contare. Le sue caratteristiche e il suo estro, poi, potrebbero essere opportunità ulteriori per mutare i principi tattici mazzarriani. Nelle prove al Filadelfia, così come in ritiro, il talentino piemontese è stato provato tanto come mezzapunta mobile alla Falque nel più abbottonato 3-5-2, quanto come trequartista destro nel 3-4-fantasia – dato dall’avanzamento di una mezzala (Soriano o Baselli) a supporto della prima punta – che ha rappresentato un’utile risorsa contro Cosenza, Roma e Inter. E ora che Niang e Ljajic gli hanno aperto la strada, Edera potrà passare ai test sul campo. Quello del “Grande Torino”, questa volta.


106 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
LeovegildoJunior
LeovegildoJunior
3 anni fa

Più che una delle prime… è una delle uniche alternative. Che cazzata lasciare andare via Lijaic, ma come si fa a privarsi – per un piatto di lenticchie oltretutto – di uno dei soli due in squadra (l’altro è Jago) che da del tu al pallone? Boh, siamo passati da… Leggi il resto »

gigimperversi
gigimperversi
3 anni fa

Premesso che mi dispiace per la partenza di ljajc, non è certo l’operazione per fare cassa tipo cerci o Zappacosta: hanno scelto il giocatore e mazzarri, vedremo a maggio chi avrà avuto ragione. Io una idea ce l’ho. E poi non volevamo vedere i nostri giovani in prima squadra? Adesso… Leggi il resto »

Gianky1969 (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Gianky1969 (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
3 anni fa
Reply to  gigimperversi

Intanto 2 dei “tuoi” giovani lì ha belli che impacchettati e spediti: ovviamente nessun commento negativo, invece quello di prima era incapace di valorizzare i ragazzi (come se Edera si fosse affacciato per merito di chissà chi…)

Unica certezza, al momento, serve qualche muto in panchina.

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
3 anni fa

E già, i giovani. Uno lo ha mandato via subito e l’altro ha cercato fino all’ultimo di sbolognarlo. Perfetto per far giocare i giovani. Ma questo è un mr. sissignore. I giovani da far giocare glieli hanno presi (in prestito eh) e lui dice si. Ma son tutti in accordo.… Leggi il resto »

Mimashi
Mimashi
3 anni fa
Reply to  gigimperversi

Hai scassato il ca@@o tutta l’estate continuando a postare frasi tipo “lo volete capire che non cederemo nessuno?” Etc etc
Oggi almeno abbi la decenza di non dire nulla.

Bartolomeo Pestalozzi
Bartolomeo Pestalozzi
3 anni fa
Reply to  Mimashi

Mmmmmm è vero che ha sempre detto che non sarebbe stato ceduto nessuno però, per onestà intellettuale, dovrebbero stare zitti pure i criticoni (e sono tanti) che dicevano che non si sarebbe comprato nessuno e che non sarebbero stati tenuti i migliori. La verità come sempre sta nel mezzo. In… Leggi il resto »

TORO4ever
TORO4ever
3 anni fa

Edera, se non si monta la testa, può essere un crac (altro che pippa!). Quanto a Ljiaic è un giocatore atipico, né punta né centrocampista (come altri giocatori, ma di ben altra personalità e intelligenza: Baggio, Platini, Antognoni). Mancandogli continuità non è stato possibile costruire una squadra intorno a lui.… Leggi il resto »

tmatteo64
tmatteo64
3 anni fa
Reply to  TORO4ever

Lucida analisi

Bartolomeo Pestalozzi
Bartolomeo Pestalozzi
3 anni fa
Reply to  TORO4ever

“Le coefere”??? Supergulp!!!

TORO4ever
TORO4ever
3 anni fa

Coefore, con la o (non coefere)

mas63simo
mas63simo
3 anni fa
Reply to  TORO4ever

Guarda che Liajc era già così quando lo abbiamo preso non si è scoperto nulla di nuovo . Ma ti pare che se avesse anche avuto testa(da noi si è comportato molto bene) è continuità sarebbe andato via da Inter e Roma e sopratutto sarebbe venuto a giocare da noi… Leggi il resto »

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
3 anni fa
Reply to  TORO4ever

Amen

Ljajic addio: il saluto dei compagni sui social

Cairo: “Ljajic? Spiace. Non potevamo garantirgli il posto”