Torino, giocatori con presenze in Europa in carriera

Non è il ballo delle debuttanti: Ansaldi guida il gruppo dei veterani d’Europa

di Ivana Crocifisso - 24 Luglio 2019

Dell’undici che probabilmente sarà titolare, sette giocatori hanno già avuto a che fare con competizioni continentali: del Torino Ansaldi è il veterano

Trenta presenze in Champions League: non serve spiegare quanto Salvatore Sirigu sia abituato ai palcoscenici europei. Del Torino è uno dei veterani, anche se gli oltre 2000 minuti nelle Coppe per un totale di 25 presenze (ha giocato la Champions col Psg e l’Europa League sia con i francesi che con il Palermo) non gli bastano ad eguagliare il più esperto della rosa. Cristian Ansaldi è in assoluto il giocatore granata che può vantare la maggiore esperienza a livello internazionale in termini di minutaggio e presenze. Quarantaquattro in tutto, tra Europa League e Champions League con le maglie di Inter, Atletico Madrid, Zenit e Rubin Kazan. Ultima volta con i nerazzurri, l’8 dicembre del 2016. A quasi tre anni di distanza l’argentino tornerà in campo nella stessa competizione, pur trattandosi di turno preliminare.

Champions per De Silvestri ma mai l’Europa League

Sirigu, Ansaldi ma anche Nkoulou, che va a posizionarsi tra l’esterno e il portiere. 34 presenze europee di cui 10 in Champions: tutte con le due maglie francesi di Olympic Marsiglia e Lione, tra il 2011 e il 2017.

Diciotto le presenze di Rincon, compresa l’unica in Sudamerica, quando militava nello Zamora. Poi Amburgo e Juventus, tra EL e Champions. Per Falque sette presenze in Europa League col Tottenham, cinque in Champions con la maglia della Roma, per un totale di dodici: tornerà a calcare un palcoscenico europeo tre anni dopo l’ultima volta. Una in più, considerato l’Intertoto, per De Silvestri: sarà però il debutto in Europa League perché le altre undici presenze sono state tutto in Champions, con Lazio e Fiorentina.

Lukic e Meitè, non è la prima volta

La Juve ha permesso a Zaza di collezionare le uniche due presenze in campo europeo a livello di club. Una in più per Sasa Lukic, che al Partizan Belgrado – prima di arrivare al Toro – era sceso in campo tre volte tra spareggio Champions e Europa League.
Quattro le presenze in campo europeo di Meitè, tra Lilla e Monaco, anche se l’unica in Europa League è di appena sette minuti. Non sono presenze europee ma pur di coppe continentali si tratta nel caso di Bremer, che ha giocato con l’Atletico Mineiro, sempre da titolare, sia la Libertadores che la Copa Sudamericana, per un totale di tre presenze.

I debuttanti del Torino

Poi i debuttanti, comunque meno del previsto: in difesa Izzo è alla prima in campo internazionale con un club, in mezzo al campo stessa sorte per Baselli, poi in attacco esordio di Belotti e di Berenguer. Considerata la panchina del Torino prima volta anche per Djidji e per Lyanco.

più nuovi più vecchi
Notificami
ardi06
Utente
ardi06

Intanto il Bologna ha preso olsen gran bel giocatore

Benvenuti
Utente
Benvenuti

Ma disgraziatamente dovessimo andare fuori (mi auguro vivamente di no)non si prende nessuno e magari si cede qualche pezzo da 90… a me piacerebbe DePaul non male Politano come 2 portiere Paleari visto nelle finali contro il Verona un buon portiere ma costa e poi vuole fare il 2 di… Leggi il resto »

RiminiGranata
Utente
RiminiGranata

Onestamente le trattative del calcio mercato sembrano quelle di qualche Shouk del Marocco. Chi vende spara cifre immonde, poi in realtà di soldi c’è ne sono pochi per chi non fa la C.L. stabilmente. ADL non vende Verdi a 20ml più qualche bonus, De Paul te ne chiedono 35 ml.… Leggi il resto »

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

Deulofeu lo caldeggio anch’io da un bel po’. De Paul a un prezzo ragionevole sarebbe un ottimo innesto.
Sicuramente lascerei perdere qualunque trattativa per qualsivoglia giocatore del napoli e della roma.