Acquistato come trequartista, definito mezzala: ora Nicola ha trovato una nuova collocazione a Gojak

Con Giampaolo Amer Gojak è riuscito a far intravedere le proprie capacità ma senza convincere mai del tutto. Adesso, con Nicola alla guida del Toro, anche per lui si aprirà un’altra porta, quella che potrebbe portarlo a calcare il campo da titolare. A patto che il giocatore riesca ad incidere davvero sul rendimento della squadra, offrendo al tecnico delle carte in più da giocarsi nell’ardua rincorsa alla salvezza. E fino qui, il discorso è analogo a quello fatto anche per gli altri granata, partendo ad esempio da Zaza. Ciò che farà la differenza, però, nel caso di Gojak sarà soprattutto comprendere quale ruolo sarà a lui riservato da Nicola.

Nicola lo valuta: non è solo un trequartista

“Finora non ho parlato di mercato con la società – ha dichiarato Nicola nel post-partita di Benevento – perché avevo bisogno di valutare tutti gli elementi“. E tra questi, al Vigorito, c’è stato spazio anche per Amer Gojak che nel secondo tempo, con il passaggio del Toro al 4-4-2, viene mandato in campo da Nicola al posto di Rodriguez. E per lui arriva il momento di cimentarsi come esterno: un nuovo ruolo, il terzo rivestito questa stagione.

Già con Giampaolo, infatti, il centrocampista aveva vagato per la mediana andando a ricoprire almeno due ruoli. Preso dal Toro come trequartista, l’ex tecnico del Toro lo ha di fatto quasi sempre impegnato come mezzala, confermando le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa proprio dopo il suo arrivo a Torino. Prima ancora di vederlo all’opera (qui le dichiarazioni di Giampaolo). Insomma, da potenziale trequartista a mezzala, prima di passare ad esterno: un girovagare che, tuttavia, per Gojak sembra quasi un abitudine.

Gojak, il jolly del centrocampo

Non è solo il Toro, infatti, ad aver intravisto nel giocatore bosniaco la possibilità di sfruttarlo su più fronti, giocando sulla sua duttilità e soprattutto sulla disponibilità nei confronti di tecnico e squadra. In Nazionale, infatti, ha agito sia da 10 che da ala sinistra mentre con la Dinamo è passato da essere regista a mezzala e, all’occorrenza, anche trequartista. Insomma il marchio del “vagabondo” del centrocampo, Gojak l’ha sempre avuto e adesso anche Nicola potrebbe sfruttarlo da jolly per la sua mediana, adattandolo alle esigenze del momento.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 25-01-2021


16 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo
2 mesi fa

In sostanza : ne carne , ne pesce …. manco verdura ….. insomma un mediocre in tutti i sensi .🤣😂🤣

fabiom
fabiom
2 mesi fa

Questo ragazzo fino ad oggi ha dimostrato una cosa sola, non sa cosa fare in campo. Anche i compagni lo riprendono in continuazione. Secondo me non giocherebbe nemmeno in Serie C.

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
2 mesi fa

Tanto per capirci. A Meite’ hanno dato 4,5 in pagella. Una pippa colossale, solo che la’ si vede, qui in mezzo al pippume vario si notava meno. Ma voi pensate che gente come Maldini non lo sapessero prima?

Tutto su Lerager: ecco chi è il centrocampista danese del Genoa

Immobile: “Il Torino mi ha aiutato. Belotti? Ci troviamo bene”