Brekalo, Praet e Pobega scalpitano: sulla trequarti Linetty deve fare i conti con la concorrenza. Ma per Juric è stata una risorsa importante

E chi se l’aspettava, un avvio di stagione così da Karol Linetty. Il polacco sembrava destinato, dopo l’Europeo, a finire nel gruppo dei quasi-esuberi (assieme a Zaza, Verdi e Rincon, per fare alcuni esempi). Invece Juric lo ha preso e ne ha fatto un titolare. E’ vero, all’inizio più per necessità che per virtù, poi però il livello delle prestazioni del 77 è cresciuto partita dopo partita. Ha un pregio, l’ex Sampdoria, è un centrocampista che sa inserirsi con i tempi giusti e sa dialogare con i compagni sulla trequarti. Non è poco, perché è esattamente il tipo di giocatore che il tecnico croato vuole nel cuore delle sue squadre. Ora però gli equilibri rischiano di cambiare. Il mercato ha portato Brekalo, Praet e Pobega: i nuovi acquisti avranno sempre più spazio, da qui in avanti. E Linetty perderà inevitabilmente la centralità conquistata un po’ a sorpresa.

Linetty, tuttofare di Juric

Tornato dagli impegni della Polonia a Euro 2020, Karol si è riscoperto tuttofare, in un Torino che allora era senza fondamenta. Si adattava da interno accanto a Mandragora, ma soprattutto da trequartista, sulla stessa linea di Pjaca e alle spalle della prima punta. Juric si è convinto a fargli iniziare lì la stagione, preferendolo ad esempio a Verdi o a Lukic, anche lui provato, ma senza successo, sulla trequarti. E’ stato titolare, fin qui, in tutti gli impegni ufficiali del Toro. Potrebbe esserlo anche a Reggio Emilia, contro il Sassuolo, ma le sua quotazioni sono in discesa.

Ora rischia di perdere centralità nel Torino

Già, perché adesso sono arrivati tre giocatori che in quel ruolo possono dire la loro con qualità. Pobega e Praet, tra l’altro – con tutti i distinguo del caso – appartengono alla stessa categoria di Linetty: mezzali con propensione offensiva. E finora Juric ha utilizzato un giocatore così accanto a Pjaca: persino contro la Salernitana, non ha rischiato inserendo anche Brekalo sin dal primo minuto, ma ha fatto un’altra scelta tattica, preferendo ancora il numero 77 e poi sostituendolo con Pobega. Tra Sassuolo, Lazio e Venezia i nuovi equilibri si assesteranno. Linetty rischia di uscirne ridimensionato.

Karol Linetty of Torino FC in action during the Coppa Italia football match between Torino FC and US Cremonese.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-09-2021


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 mese fa

5 cambi, panchina lunga.

Insomma fate pace con voi stessi: Oggi il calcio è molto veloce e fisicamente più intenso. Quindi giocano tutti, chi da subito, chi da subentrante

ardi06
ardi06
1 mese fa

Io spero che praet brekalo e pobega possano farci fare, almeno dal centrocampo in su un salto di qualità tale che i vari linetty giochino solo per far rifiatare i primi o se disgraziatamente uno di loro si facesse male

Troposfera Granata
Troposfera Granata
1 mese fa

C’è posto per tutti, tra cambi a partita in corso, turnover, infortuni e squalifiche. direi che il Linetty in crescita che abbiamo visto non ha da preoccuparsi. E anche noi dovremmo essere contenti dell’abbondanza di giocatori buoni/discreti tra centrocampo e trequarti.

Sassuolo-Torino, i precedenti: l’ultima vittoria in A è targata Immobile e Brighi

Milinkovic-Savic contro se stesso: col Toro mai due volte di fila la porta inviolata