Toro, per Parigini aria di conferma: ma dovrà stupire Mazzarri - Toro.it

Toro, per Parigini aria di conferma: ma dovrà stupire Mazzarri

di Veronica Guariso - 1 Luglio 2019

Vittorio Parigini già pronto per ripartire dopo una stagione di alti e bassi: in ritiro pronto a farsi apprezzare da Mazzarri

Stagione poco fortunata per Vittorio Parigini, che non ha ottenuto i risultati sperati anche a causa di qualche infortunio di troppo. E’ stata la sua prima vera esperienza nel Torino prima squadra: il classe ’97 ha scalato tutti i livelli, per approdare finalmente in A con i granata. La stagione non ha riscosso i successi sperati, cosa avvenuta invece con la Nazionale Under 21, ma Mazzarri ha notato il potenziale di Parigini e a Bormio ripartirà proprio da lui.

Parigini, a Bormio per stupire Mazzarri

Manca poco all’avvio della preparazione in vista della stagione 2019-2020. E’ infatti tutto pronto o quasi, con il Toro che vuole avere tutto pronto per i preliminari di Europa League. Anche Parigini è nella lista dei convocati per Bormio ed è pronto a dimostrare il proprio valore.

La palla passa infatti a lui, che dovra essere bravo a convincere del tutto Mazzarri in modo da restare in granata. La volontà non manca ed è stata espressa più volte, ma ora c’è bisogno dei fatti. Reduce dall’infortunio che gli ha fatto saltare l’Europeo Under 21, Parigini non vuole privarsi di altre occasioni e farà di tutto per arrivare a Bormio pronto.

Parigini, rendimento da migliorare nella prossima stagione

Nato e cresciuto in granata, Parigini ha spesso espresso il proprio legame con il Toro, club che ha contribuito a renderlo il calciatore che è oggi. 13 anni dopo ha avuto le conferme che sperava, ma c’è ancora molto da fare. La stagione conclusasi gli ha fatto collezionare 363′ minuti totali in 17 presenze in campionato: non il massimo dunque, con gli infortuni che hanno perseguitato l’andamento dell’intera annata.

Con la Nazionale ha avuto più fortuna, anche se ha dovuto rinunciare prima allo stage con Mancini e poi all’Europeo U-21. Le aspettative per la prossima stagione sono decisamente più alte e si partirà dall‘incontro di routine tra il giocatore e la società, per discutere sul da farsi. Le premesse restano comunque positive.

più nuovi più vecchi
Notificami
gabbo
Utente
gabbo

non deve stupire nessuno, deve fare umilmente il suo, crescendo partita dopo partita. per me il suo problema è che fin da ragazzino tutti l’hanno esaltato come fenomeno. magari potenzialmente lo è anche. però sono cose che ti devi conquistare partendo sempre da zero. essere considerato una promessa è un… Leggi il resto »

Rob 62
Utente
Rob 62

Talvolta dirompente poi alla fine si perde. Al momento gli manca l’intelligenza tattica di fare la cosa giusta al momento giusto.

TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!
Utente
TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!

parto da un presupposto. tra i suoi pari, giocando contro i migliori della sua età, dei vari paesi, nella U21, è risultato semrpe tra i migliori. ha tecnica velocità e margine. secondo me resta e potrebbe essere un’ottimo rincalzo. almeno un ottimo rincalzo. e ha ragione gpt71, deve imparare a… Leggi il resto »