Il Toro ritrova Cutrone dopo l'Europa League contro il Wolverhampton

Il Toro ritrova Cutrone dopo la sfida al Wolverhampton: da lì era iniziata la crisi

di Giulia Abbate - 18 Luglio 2020

Il Toro lo voleva, l’ha sfidato in Europa League con il Wolverhampton e ora lo ritrova contro la Fiorentina: Cutrone ha segnato la stagione dei granata

Corsi e ricorsi storici, in casa Toro, in vista della sfida contro la Fiorentina dove i granata di Longo ritroveranno una (non tanto) vecchia conoscenza: Cutrone. Lo stesso Cutrone che, inqualche modo, ha segnato uno spartiacque nella sagione del Toro. Ma partiamo dall’inizio. Nella scorsa sessione di mercato, e non solo, proprio l’ex milanista è stato uno degli obiettivi del club di Cairo. Corteggiato a lungo dai granata il mercato lo ha poi portato a vestire la maglia del Wolverhampton e da quel momento gli incroci con l’attaccante non hanno portato benissimo al Toro.

Toro, dopo il Wolverhampton l’inizio della crisi granata

Con la maglia dei Wolves, in Europa League, l’incontro con il Toro segnò il primo “ritorno in Italia” dopo l’approdo in Inghilterra nella sessione estiva di calciomercato. Per Cutrone, tuttavia, nelle due sfide contro i granata arrivarono appena una mancita di minuti che non gli impedirono però di festeggiare il passaggio del turno. Al contrario, il Toro dell’allora tecnico Mazzarri non riuscì a ribaltare il 2-34 dell’andata e chiuse il match di ritorno con la sconfitta che segnò non solo la fine dell’esperienza in Europa ma anche l’inizio di una spaccatura che i granata si sono portati dietro tutta la stagione. Arrivando a dover lottare non per un ritorno in Coppa ma per la permanenza in Serie A.

Nonostante il flop europeo abbia permesso ai granata di concentrarsi soltanto sul campionato, Belotti e compagni riuscirono a strappare soltnto 3 vittorie nelle prime 10 sfide di campionato. Un bottio misero completato poi da soli 2 pareggi e ben 5 sconfitte. Un parziale fatto di più bassi che alti che è diventato, nel corso della stagione, una prassi. Fino a portare la squadra in piena zona retrocessione. E adesso che i granata sembrano essere vicino al traguardo salvezza, a 11 mesi di distanza sarà nuovamente Cutrone a segnare un altro spartiacque. Quello tra la matematica salvezza e una permanenza in Serie A rimandata ancora di una giornata.

Il Toro ritrova l’ex Milan: i tre punti valgono la matematica salvezza

11 mesi, dicevamo, sono passati dalla sfida di ritorno contro il Wolverhampton di Cutrone. Un Cutrone che nel frattempo ha cambiato casacca approdando in una Fiorentina che non ha di certo disputato la stagione della vita ma che, a differenza dei granata, non ha più nulla da chiedere al campionato.

A differenza del Toro, sì, perchè i tre punti in palio domani sono quelli che per Belotti e compagni possono significare salvezza matematica. La fatidica quota 40 insomma. Dal Franchi, dunque, il Toro dovrà necessariamente uscire vincente per non dover rimandare di una giornata la conferma della permanenza in Serie A. Serve confermarsi dopo il buon risultato ottenuto contro il Genoa, servono i gol e servono soprattutto i tre punti. Sperando che questa volta Cutrone debba assistere alla festa granata.

Patrick Cutrone, Fiorentina
Patrick Cutrone, Fiorentina

2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa

cutrone vale 1/3 di belotti. qualcuno pensava potesse esserne il degno erede.
lascimo stare va

radice10
radice10
2 mesi fa

Buongiorno GD, non stupirti, le opinioni sono sempre legittime , oddio mica vero, e comunque non è poi così importante considerato che in questo forum si cambia opinione come io cambio mutande o calzini ogni giorno. A proposito, spesso ti lamenti di avere un cagnolino che scodinzolando ti segue sempre,… Leggi il resto »