Vojvoda cresce, anche sui cross. Juric svela: “Ne prova 30 di destro e 30 di sinistro dopo ogni allenamento”. E quei consigli di Ansaldi…

Grande vittoria dei granata contro la Sampdoria a Marassi, uno dei protagonisti della partita è sicuramente Mergim Vojvoda. Con il secondo assist consecutivo, infatti, l’esterno sinistro di Juric ha permesso al Torino di pareggiare momentaneamente il risultato dopo il gol del vantaggio di Caputo. Come contro la Fiorentina il gol di Singo è arrivato su cross di Vojvoda. Nel post partita Ivan Juric ha parlato molto bene del numero 27 granata raccontando di come il cambio di posizione lo abbia aiutato a crescere e a prendere il posto da titolare e di come sia migliorato soprattutto nei cross. Infatti il tecnico granata ha svelato che l’esterno kossovaro dopo ogni allenamento resta al Filadelfia e si allena a crossare: prova 60 cross, 30 di destro e 30 di sinistro. Il 26enne granata è riuscito a scalare le gerarchie di Juric, infatti a inizio stagione lui giocava sulla destra dove era chiuso da Singo che fino dall’inizio della gestione di Juric è stata una risorsa importante per il Torino. Tuttavia, Vojvoda ha continuato a lavorare e quando Juric ha deciso di provare a schierarlo sulla sinistra ha dimostrato al tecnico croato di poter essere impiegato con più frequenza sull’out di sinistra. Da allora non ha più perso la titolarità diventando un punto fermo nel gioco di Juric.

L’aiuto di Ansaldi è stato determinante nella crescita di Vojvoda

Cristian Ansaldi in questa stagione ha avuto diversi problemi fisici e per questo non è riuscito a giocare con continuità, tuttavia è riuscito ad aiutare i suoi compagni di squadra anche senza giocare; il suo aiuto è anzi stato molto importante, infatti l’esterno argentino ha aiutato Vojvoda, suo compagno di reparto, dandogli consigli su come crossare. Il 26enne ha subito fatto tesoro dei consigli del compagno più esperto e i risultati si vedono. Andando a guardare i cross di Vojvoda è spontaneo pensare ad Ansaldi, infatti le tipiche finte che precedono i cross dell’argentino si ritrovano in quelle che il kossovaro fa prima di spedire il pallone in area di rigore.

Lo stesso Vojvoda ha confermato che il numero 15 dei granata lo ha aiutato moltissimo dandogli tanti consigli sulle finte e su come crossare in modo più efficace possibile. Nella stessa azione che ha portato al primo gol dei granata contro la Sampdoria si può vedere chiaramente che prima dei due cross (il primo dei quali viene respinto dalla difesa della Sampdoria mentre il secondo arriva a Singo che segna) Vojvoda finta il cross con il destro per spostare palla e mettere dentro la sfera con il piede opposto. I cross di Vojvoda hanno dato molti problemi alla difesa blucerchiata e uno di questi è stato determinate per il risultato finale.

Mergim Vojvoda
Mergim Vojvoda
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 17-01-2022


21 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
10 mesi fa

Che avesse dei discreti fondamentali si era intuito anche l’anno scorso…poi se il ragazzo si impegna x migliore i risultati arrivano….crescita esponenziale.bravo.

tarzan_annoni
tarzan_annoni
10 mesi fa

Ciao Leo, lo scorso anno era difficile capire chi potesse avere numeri o talento. Con una squadra gestita bene e con un senso/equilibrio/identità anche i giocatori discreti possono fare molto bene. Un caro saluto

Trapano
Trapano
10 mesi fa
Reply to  tarzan_annoni

Soprattutto se al fianco hanno giocatori di qualità, in questo caso Ansaldi, se avesse avuto come competitor uno tipo Barreca, tanto per fare un esempio, magari non sarebbe migliorato così tanto, sono sempre stato dell’idea che allenarsi con gente migliore aiuta moltissimo

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
10 mesi fa
Reply to  Trapano

Anche questo è molto vero

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
10 mesi fa
Reply to  tarzan_annoni

Questo è molto vero

T9
T9
10 mesi fa
Reply to  tarzan_annoni

Strano tu dica questo. Leggendo il forum l’anno scorso in molti avevano già sentenziato su parecchia gente. Non ho mai letto nessuno degli anticairo essere possibilisti sulle capacità di uno o l’altro considerando l’oggettiva difficoltà di esprimersi al meglio in una situazione di classifica, e quindi emotiva, compromessa. Cosa che… Leggi il resto »

ale_maroon79
ale_maroon79
10 mesi fa

Il suo procuratore ha gia detto che è forte come Cancelo.
Vabbè va…

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
10 mesi fa
Reply to  ale_maroon79

Non ha detto questo in verità
Ha detto che ci sono analogie. Ad esempio nel fatto che entrambi all’inizio erano scettici ad andare a sinistra, o nel modo di allenarsi, ecc

suoladicane
suoladicane
10 mesi fa

mi piace questa cosa, che si lavori sui fondamentali, soprattutto con i giovani; e mi piace anche che uno dei vecchi si fermi con un compagno nuovo e giovane e gli stia accanto, lo timoli e gli dia le dritte per migliorare. Merito di Juric, sicuramente; e poi il fatto… Leggi il resto »

odix77
odix77
10 mesi fa
Reply to  suoladicane

in realtà è merito di voivoda… perchè anche su bremer ben prima dell’arrivo di juric si sapeva che si fermasse a fine allenamento per allenarsi di piu e migliorare…..quindi merito ai quei calciatori che almeno fino ad un certo punto con voglia e umiltà si impegnano per colmare le loro… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
10 mesi fa
Reply to  odix77

Vero. Anche l’esempio di bremer, cui Mazzarri per mesi non ha fatto vedere il campo ma lo ha allenato bene. E lui c è stato con impegno ed umiltà Questi sono i prospetti su cui fare affidamento. Gente semplice, che sanno cos è la fatica. Gente tosta. Bravo vojvoda. Mi… Leggi il resto »

Juric+Bremer, due maestri per Zima: il piano del Toro per farlo crescere

Pobega in panchina, Mandragora capitano: Juric cambia le gerarchie