Su Instagram, Simone Zaza ha mostrato di essere già al lavoro al Filadelfia: l’attaccante deve recuperare dal problema al polpaccio

Con un giorno in anticipo rispetto ai compagni, Simone Zaza è già al Filadelfia, al lavoro per recuperare dall’affaticamento muscolare al polpaccio che gli ha impedito di entrare nei convocati di Torino-Napoli. Con una foto postata nelle sue storie di Instagram, l’attaccante lucano ha immortalato la palestra del Fila, che solo da domani tornerà a riempirsi con tutti gli altri ragazzi di Mazzarri. Almeno quelli non convocati dalle rispettive Nazionali. A fargli compagnia anche Iago Falque, rientrato dall’infortunio ma ancora bisognoso di trovare la migliore condizione.

Zaza e Falque al Filadelfia: la foto

Dunque un taglio alle mini-vacanze che WM ha concesso al suo gruppo dopo il pari contro i partenopei nell’ultima giornata di Serie A. E un bel segnale proprio al tecnico: Zaza ha tanta voglia di rimettersi in carreggiata. Dopo la vittoria sul Milan e il problema fisico accusato nel finale, l’11 a Parma ha accumulato infatti appena tre minuti prima di tornare ad accusare dolore nella settimana appena trascorsa.

La sosta, in questo senso, arriva salvifica: proprio a partire da oggi, è tornato a faticare per avere a Udine la possibilità di scendere in campo.

Zaza al Filadelfia: la storia su Instagram
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 09-10-2019


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
michelebrillada
michelebrillada (@michelebrillada)
2 anni fa

ma che recuperi pure tranquillo in sei o sette mesi cosi siamo tutti contenti

Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!) (@patsala58)
2 anni fa

Fai pure con calma… Tanto cambia poco o niente….

tony polster
tony polster (@tony-polster)
2 anni fa

Bravo.cosi’ parla un vero granata.

tony polster
tony polster (@tony-polster)
2 anni fa

Bene.forza Zaza.

Falque, la fine di un incubo: ora può iniziare il suo campionato

Lukic, il Torino lo osserva con la Serbia: Mazzarri ha bisogno di lui