Ola Aina rientrerà dopo l’infortunuo nel 2023, e oltre al campo dovrà pensare anche al suo futuro, con il contratto in scadenza

L’esterno nigeriano del Torino Ola Aina, si è fermato per infortunio lo scorso 26 ottobre, e rientrerà in campo nel 2023. Lo stop è arrivato proprio sul più bello, visto che aveva trovato il gol a Udine e stava sfornando buone prestazioni. La sua però sarà una partita su due fronti al rientro, perchè oltre al campo dovrà anche decidere il suo futuro, essendo il contratto con il Torino in scandenza il 30 giugno del 2023.

La concorrenza sulla fascia

Il classe 1996, una volta rientrato, dovrà sicuramente farsi spazio nella rosa di Juric per la seconda parte di stagione. Singo sta tornando ai suoi livelli, avendo disputato tre ottime gare contro Milan, Bologna e Roma. Lazaro piace molto al tecnico ed è in grado di giocare su tutte e due le fasce, proprio come Vojvoda (in cerca di riscatto dopo la sostituzione avvenuta al 30′ di gioco per scelta tecnica). Non sarà quindi facile per il numero 34 trovare lo spazio che si era conquistato in queste prime 15 giornate, tenuto conto del fatto che è sempre stato abbastanza discontinuo e sembrava aver trovato la giusta continuità proprio prima dell’infortunio del mese scorso.

La situazione rinnovo

Considerando il fatto che il Torino, ha speso 10 milioni di euro nel 2019 per riscattare Aina dal Chelsea, appare alquanto improbabile che il giocatore possa andare via a zero. Nel 2020 era stato dato in prestito al Fulham per 2.5 milioni, ma con la retrocessione del club inglese non era stato riscattato. Entro la fine della stagione si deciderà il suo futuro: il giocatore potrebbe anche rinnovare per poi essere ceduto in prestito, oppure continuare la sua avventura in granata per affermarsi una volta per tutte. Tanto dipenderà anche da chi ci sarà alla guida tecnica del Torino.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 18-11-2022


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Bologna65@
Bologna65@
8 giorni fa

Un’altro che quando se ne andrà non se ne accorgerà nessuno.

Bartolomeo Pestalozzi
Bartolomeo Pestalozzi
8 giorni fa

Noto che la linea editoriale è fare un caso mediatico su ogni argomento. Che tristezza. Suggerisco alla redazione di moderarsi in tal senso e di aprire una rubrica quotidiana sui mondiali dove si discorra su eventuali giocatori emergenti che dovessero apparire appetibili per il nostro budget.

tric
tric
8 giorni fa

Vagnati per i rinnovi tempestivi ha una vera specialità!

Da Ricci e Schuurs a Gojak e Warming: i top e i flop degli acquisti di Vagnati

Cairo: “Belotti voleva andare al Milan. Di cosa mi pento? L’esonero di Mihajlovic”