Berenguer, stagione positiva: una crescita a servizio del Toro

di Giulia Abbate - 11 Giugno 2019

Il pagellone / Buona la stagione di Berenguer: l’attaccante è cresciuto e ha scalato le gerarchie di Mazzarri meritandosi la fiducia

Nei piani del Toro Alex Berenguer doveva essere la riserva fissa di Falque e anche di Simone Zaza. Il film del campionato, però racconta tutt’altro. L’attaccante ha saputo ritagliarsi uno spazio importante, lavorando sodo e sfruttando a suo favore la sfortuna che ha colpito i compagni di reparto. Con Falque fuori per infortunio e uno Zaza a mezzo servizio mai veramente in grado di incidere, Berenguer è riuscito a scalare le gerarchie di Walter Mazzarri ottenendo fiducia e ripagandola con prestazioni in crescendo che hanno regalato al Toro un attaccante in più. Magari ancora acerbo, certo, con qualche errore di troppo all’attivo ma certamente con margini di miglioramento che non possono essere ignorati.

Berenguer, una seconda parte di stagione da protagonista

Dopo una prima parte di campionato in cui ha collezionato molti scampoli di partita ma altrettante critiche, nella seconda parte di stagione è riuscito a convincere Mazzarri tanto che l’unica panchina collezionata dall’attaccante riguarda l’ultima sfida di stagione contro la Lazio. Trentuno le presenze totali in campionato (più 3 in Coppa Italia) e una stagione che potrebbe cambiare e di molto il futuro di Bereguer dato per partente durante la stagione ma con un futuro che potrebbe anche non essere lontano da Torino.

E d’altronde la crescita del giocatore è indiscutibile e gli apprezzamenti di Mazzarri non sono mancati. Come in occasione del gol contro il Milan: “Si meritava questo gol, lo stavo per togliere per mettere Parigini. Sta crescendo tanto come altri ragazzi“. Una crescita non certo finita e con discreti margini di miglioramento che permetterebbero al tecnico di sfruttare al meglio un giocatore non solo tecnicamente valido ma anche in grado di ricoprire più ruoli.

Esterno o trequartista: un jolly per il Toro

Un jolly: questo è stato Berenguer per Mazzarri in questa stagione. Nella prima parte di stagione, infatti, lo spagnolo ha ricoperto quasi esclusivamente il ruolo di esterno nel 3-5-2 trovandosi a giocare sia a destra che a sinistra prima di essere spostato da Mazzarri alle spalle di Belotti a fare il trequartista. Una duttilità che indubbiamente fa comodo al Torino di Mazzarri e che garantisce al giocatore molte più possibilità di trovare spazio. Continuando così Berenguer potrebbe essere sulla strada giusta per conquistarsi un’ulteriore conferma da parte del tecnico e della società.

VOTO: 6,5

più nuovi più vecchi
Notificami
Denis-Joe
Utente
Denis-Joe

la conferma, se ce n’era bisogno, che io di calcio non capisco un cz.

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

Se cresce e rimane basso come Insigne o Mertens o Verratti, per me va bene.
E’ chiaro che per i nostri futuri centrocampisti slavi DSRJC, Giankjc, Pedric & C. sia da temere in quanto concorrente sulla trequarti.
Se ne facciano una ragione: sarà Mazzarri a fare una scelta ben ponderata.

DSR
Utente
DSR

Verratti, Mertens, Insigne, Berenguer…trova l’intruso

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

Per essere della gang del bosco, direi che sei sempre in trasferta a pastrocchiare tastiere. O vieni qua nelle pause tra una terapia e l’altra?

DSR
Utente
DSR

Tu invece, nullafacente o pensionato per grave disabilita’ mentale?

DSR
Utente
DSR

Carbonara granata no buona

TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!
Utente
TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!

mi piace tantissimo la tua ultimissima frase. sarà mazzarri a decidere. però gli zerotrein potranno dire comunque la loro. hanno anche loro unruolo nela questione

DSR
Utente
DSR

Carbonara-DG
stessa lingua stessa razza

DSR
Utente
DSR

Tutta sta crescita non l’ho vista, mi sembra sempre un po’ bassino

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Più o meno eta-beta.