Calciomercato Torino, l'Europa per sbloccare la sessione estiva

Cutrone, Pereyra, Mario Rui: il mercato del Toro dipende dall’Europa

di Giulia Abbate - 3 Giugno 2019

Questa settimana dovrebbe arrivare il verdetto Uefa per l’Europa: l’esito positivo potrebbe sbloccare le trattative per Cutrone, Pereyra e Mario Rui

Quattro giorni: questo il tempo che la Camera Giudicante dell’Uefa ha ancora a disposizione per decidere il destino del Milan, e quindi anche quello del Torino, in Europa. Entro il 7 giugno prossimo, infatti, si saprà se i rossonero verranno estromessi o no dalle Coppe europee e se, di conseguenza, i granata potranno festeggiare il ripescaggio e prepararsi per affrontare la prossima Europa League. Una decisione, quella dell’Uefa, che non condizionerà solo il futuro calcistico del Toro ma anche quello del mercato: le scelte dei granata, infatti, dipenderanno come prevedibile dal pronunciamento sull’Europa che, se positivo, potrebbe spingere gli obiettivi di mercato, anche quelli più ambiziosi, ad accettare un eventuale proposta dei granata. Ed è proprio in quest’ottica che si inseriscono le operazioni di Cutrone, Mario Rui e Pereyra.

Pereyra, strada difficile ma l’Europa può servire da spinta

Che il fantasista del Watford Pereyra continui ad essere un obiettivo di mercato del Toro è cosa ormai appurata ma la strada, come abbiamo già avuto modo di raccontare, è piuttosto complicata. Il giocatore, infatti, sarebbe più che entusiasta di approdare alla corte di Mazzarri ma la società non sarebbe intenzionata a cederlo a meno di 20 milioni. Anzi, si parla di cifre che potrebbero andare addirittura oltre quel tetto. A complicare il tutto, ci sarebbe poi la volontà, ribadita in passato anche dall’agente del giocatore, di approdare in una “big”.

Ed ecco allora che il ripescaggio eventuale in Eruopa League sarebbe determinante: giocare una coppa europa, pur non la principale, aumenterebbe di certo l’attrazione del Torino permettendo ai granata di tornare ad essere una meta più che interessante per il fantasista. Senza contare che l’eventuale sì del giocatore metterebbe nelle mani di Cairo un’arma in più per trattare con il Watford.

Europa, il sì del Uefa al Toro per convincere Cutrone

Se dall’Uefa dovesse arrivare il sì al ripescaggio del Torino (o meglio la bocciatura del Milan e l’esclusione dei rossoneri dalle coppe), il Toro potrà gettarsi davvero a capofitta nella trattativa per Cutrone. L’attaccante rossonero è, come noto, uno degli obiettivi caldi del mercato granata e l’Europa potrebbe essere proprio la chiave per strappare un sì al giocatore. “Soffiare” il posto, per così dire, al Milan in Europa League, infatti, potrebbe portare Cutrone a valutare seriamente un trasferimento al Toro con l’obiettivo di continuare la strada nelle coppe europee.

Un via, quella europea, che il Toro si giocherà poi anche con il Napoli e con Mario Rui. Il giocatore e il suo entourage stanno attendendo di capire come si risolverà il valzer delle panchine per poter prendere una decisione sul futuro del giocatore che, come risaputo, sarà lontano dalla città partenopea: il destino europeo del Toro potrebbe condizionare, e non poco, la scelta.

più nuovi più vecchi
Notificami
mas63simo
Utente
mas63simo

Ma quale walzer delle panchine che Toro e Napoli sono le uniche (purtroppo x noi) che sono sicure di tenere gli allenatori che anno !

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Il target è sempre puntato sui piedi. In rare occasioni anche sui testicoli.

DSR
Utente
DSR

Ma come il nostro mercato cambia in base alla partecipazione EL? Fino all’altro giorno senza EL non Si vendeva nessuno è arrivavano tre buonissimi giocatori…se si partecipa all’EL cosa arriva oltre a non vendere nessuno… quattro, cinque, sei giocatori di un certo livello? Non vorrei che una eventuale non partecipazione… Leggi il resto »

Casao92
Utente
Casao92

Con 2-3 acquisti abbiamo una bella squadra.

DSR
Utente
DSR

Appunto , ma anche 3-4 ma non deve dipendere da quel che succederà la prossima settimana