Le notizie del 15 maggio 2020

Ore 18.00 Il bollettino della Protezione Civile: 242 morti nelle ultime 24 ore. I positivi salgono a 72.070, mentre i guariti sono 4.917 in più. Il totale dei casi ammonta a 223.885.

Ore 17.30 Formula 1, anche il Belgio dà l’ok per il Gp a porte chiuse, in programma per agosto. Dopo l’Austria, l’Ungheria e l’Inghilterra anche a Spa si correrà dunque senza spettatori.

Ore 16.30 Tennis, l’Atp Tour e la WTA hanno prolungato la sospensione dei tornei fino al 31 luglio a causa del virus. Sono molti i tornei che quindi salteranno. Palermo resta in forse.

Ore 16.00 Serie A, la responsabilità civile e penale riguardante il protocollo approvato dal Governo è affidata totalmente ai medici, che si sono detti contrari a riguardo. Enrico Castellacci, presidente dei Medici del calcio, si è espresso a riguardo. “Qui la cosa assurda è che il solo responsabile sia il medico e che il Governo ha deciso con l’avallo della Figc senza però sentire i medici. Come mai c’è stato un si a una decisione clamorosa come questa. Noi non rifuggiamo dalle responsabilità ma vogliamo che queste siano condivise. In una azienda il medico ha responsabilità grosse ma condivise con i titolari dell’azienda. Abbiamo attivato il nostro team legale per valutare se da un punto di vista giuridico ci sono gli estremi per rivedere queste decisioni.“, queste le sue parole a riguardo.

Ore 15.30 Arriva una nuova bozza del decreto su ulteriori aperture per quanto riguarda la fase 2. Dal 3 giugno infatti, sarà possibile spostarsi tra le diverse Regioni, ma con alcuni limiti che riguardano il grado di contagi tra le zone interessate. Inoltre, in caso di mancato rispetto delle norme di sicurezza imposte, sono previsti da 5 a 30 giorni di stop per quanto riguarda le attività commerciali. 

Ore 15.00 La Bundesliga, che ricomincerà domani, data l’imposizione di giocare a porte chiuse, ha scelto di trovare un’alternativa agli spalti vuoti. Uno dei club, il Borussia Monchengladbach, ha scelto di mettere dei cartonati dei tifosi nei posti vuoti. Intanto Michael Zorc, direttore sportivo del Borussia Dortmund, ha affermato che i giocatori potranno scegliere di non giocare, ma che la maggioranza è impaziente di tornare in campo.

Ore 14.30 Premier League, il governo britannico ha richiesto alla massima serie inglese di trasmettere alcune partite in chiaro e di incrementare i versamenti alla Football League e allo sport di base. 

Ore 13:30 Il presidente dell’Assocalciatori Tommasi è intervenuto sulla questione ritiri delle squadre: “Sicuramente non avere una data certa per l’inizio della stagione genera incertezza, vorremmo avere più dati e indicazioni. Il ritiro, vista la gestione dei casi di positività che rischia di bloccare un’intera squadra, è uno dei punti in sospeso. È un grande punto interrogativo, una positività potrebbe interrompere sul più bello il percorso. Bisogna capire cosa fare in caso di una singola positività“.

Ore 12:30 Buone notizie da Bergamo dove, a 11 giorni dalla riapertura e dall’inizio della Fase 2, nelle terapie intensive degli ospedali cittadini si è raggiunta quota 0 pazienti ricoverati.

Ore 11:00 Il messaggio del Papa: “La pandemia ci ha ricordato come siamo tutti sulla stessa barca. Ritrovarci ad avere preoccupazioni e timori comuni ci ha dimostrato ancora una volta che nessuno si salva da solo. Per crescere davvero dobbiamo crescere insieme, condividendo quello che abbiamo”

Ore 9:45 Il numero dei decessi nel mondo a causa del coronavirus ha raggiunto cifre esorbitanti: sarebbero infatti oltre 302milla le vittime del Covid-19 con più di 4milioni di contagi. GLi USA restano il paese più colpito

Ore 8:30 Il presidente dell’Uefa Ceferin ha commentato la scelta della Francia di chiudere il campionato e assegnare il titolo al Psg: “Per noi l’importante è sapere chi è il campione, chi è il secondo, il terzo e il quarto, poi la mia opinione personale è che è stata dichiarata chiusa la stagione troppo presto. Credo che non sia stata la soluzione ideale, con il tempo le cose possono migliorare, ma se la decisione è stata presa dal governo, cosa possono fare i club e la Lega? Nulla, ma resta il fatto che per me sia stata fatta una scelta prematura, però non influisce sull’Uefa

Ore 7:30 Il ministro dell’Economia Gualtieri è intervenuto durante un’intervista a Repubblica per rassicurre che il Decreto Rilancio firmato dal Governo non lacerà indietro nessuno: “E’ evidente che le legittime preoccupazioni di una situazione senza precedenti possano generare anche rabbia. Lo capiamo e per questo il governo è impegnato a sostenere imprese e famiglie, a evitare un aumento delle diseguaglianze, ad aiutare i più deboli“. E sulle critiche di dispersione delle risorse: “Sono critiche sbagliate. In primo luogo non sono aiuti a pioggia, ma la volontà di non lasciare indietro nessuno in una circostanza cosi’ drammatica. E’ una precisa scelta politica di questo governo, che io rivendico, ma e’ anche una scelta che ha  efficacia economica. E non è vero nemmeno che nel decreto non si guardi allo sviluppo”.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-05-2020


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Ultrà
Ultrà (@ultra)
1 anno fa

ci mancavano…gli assistenti invasati…delle guardie…in Italia…basta una divisa…invece di investire in tamponi e reagenti per individuare gli asintomatici…

Ultrà
Ultrà (@ultra)
1 anno fa
Reply to  Ultrà

basta una pettorina…per sentirti GesùCristo…

Bologna, falso allarme: nessun caso di Coronavirus

Castan positivo al Coronavirus: in totale 19 contagiati al Vasco da Gama