Le notizie del 28 aprile

Ore 18.00 Il bollettino della Protezione Civile del 28 aprile 2020 sull’emergenza coronavirus: “Il totale delle persone che hanno contratto il virus è 201.505, con un incremento rispetto a ieri di 2.091 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 105.205, con una decrescita di 608 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi 1.863 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 93 pazienti rispetto a ieri. 19.723 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 630 pazienti rispetto a ieri. 83.619 persone, pari al 79% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 382 e portano il totale a 27.359. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 68.941, con un incremento di 2.317 persone rispetto a ieri”.

Ore 17.40 Parla il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Se siamo imprudenti adesso in estate rientriamo in lockdown. Se il presidente del Consiglio non dà l’ok all’apertura di negozi e mercati, è perché ancora ci sono rischi sanitari alti”.

Ore 16.00 Stop allo stop professionistico in Francia: lo ha annunciato il primo ministro Edouard Philippe. Si fermano definitivamente, dunque, i campionati di Ligue 1 e 2.

Ore 13:10 Il Coni, tramite il suo presidente Malagò, ha reso noto di aver inviato al Ministro dello Sport Spadafora il report del Politecnico di Torinotitolato “Lo Sport riparte in Sicurezza”. Si tratta di un documento che certifica i diversi fattori di rischio delle 387 discipline sportive facenti capo al Coni e al Comitato Paralimpico

Ore 12:30 Parla il presidente della Lega Pro Ghirelli: “Va seguito rigorosamente perché ci sia il minor pericolo possibile di contagio del virus. Per noi ci sono però dei problemi: le strutture mediche, visto che noi abbiamo dei volontari, o i centri sportivi, poiché le nostre società non ne hanno di così attrezzati da poter gestire i propri atleti nel corso delle tre settimane di cui parla il protocollo. Dobbiamo procrastinare il rientro in campo senza bypassare il protocollo, ma dobbiamo augurarci che il virus perda la virulenza che ha in questo momento, che la scienza progredisca nei farmaci per combattere non a mani nude come abbiamo fatto in queste settimane, e che ci sia un miglioramento nelle possibilità di intercettare lo stato di aggressività del virus“.

Ore 11:50 Il presidente Uefa Ceferin torna sul tema crisi del calcio: “Il coronavirus è un qualcosa di terribile, ma non è l’Apocalisse. Usciremo dalla crisi. Per superarla il calcio è necessario, perché trasmette gioia e positività alla gente. In nessun modo questa pandemia porrà fine al nostro sport. Ci vorrà del tempo, ma i tifosi torneranno a riempire nuovamente gli stadi con passione ed emozioni. Il nostro sport affronta una sfida senza precedenti. La Uefa vuole aiutare le federazioni a rispondere in modo appropriato alle circostanze specifiche. Di conseguenza, abbiamo deciso di destinare fino a 4,3 milioni di euro a federazione per il resto di questa stagione e per la successiva”.

Ore 11:00 La raccolta fondi lanciata dalla Fiorentina ha toccato quota 900mila euro. L?iniziativa benefica “Forza e Cuore” lanciata dalla società viola insieme al suo presidente Rocco Commisso ha toccato la quota di 900 mila euro in appena 40 giorni. Molti di questi fondi sono già stati destinati agli ospedali fiorentini per l’acquisto di attrezzature adatte a contrastare l’emergenza da Covid-19. A contribuire, inoltre, sono stati gli stessi giocatori viola: da Ribery a Federcio Chiesa passando per Pezzella (colpito direttamente dal virus) che ha fatto una donazione personale con la quale il Comune di Firenze ha potuto acquistare pacchi di beni alimentari per le famiglie bisognose della città.

Ore 10:30 In Inghilterra il Watford si prepara alla ripresa ma “senza fretta”. Così parla infatti il suo presidente, Duxbury: “In questa fase mi sento a disagio a parlare di calcio, data la pressione sul servizio sanitario nazionale. Questa deve essere la priorità. Se voglio veder riprendere il calcio? Assolutamente sì. Seguirò il governo. Se dicono che è sicuro e non faremo pressione sul servizio sanitario allora sarà fantastico. Ma penso che a guidarci debba essere la consapevolezza di fare le cose in sicurezza e senza fretta”.

Ore 9:45 Nel porto di Ancona è in corso l’attracco della nave Costa Magica proveniente dai Caraibi, A bordo ci sarebbero 617 persone, 130 delle quali sarebbero risultate positive ad un primo test sul Covid-19. Il quick test fatto a bordo non sarebbe del tutto affidabile e i presunti contagiati non sono critici. Al momento nessuno p autorizzato a scendere dalla nave: dovranno essere controllati tutti i passeggeri e i membri dell’equipaggio valutandone il rischio contagio.

Ore 9:00 In Inghilterra arrivano le prime “mosse” per garantire la sicurezza in caso di ripresa dei campionati di calcio. La Premier, infatti, starebbe per stanziare (il via libera arriverà probabilmente nella giornata di venerdì) 4 milioni di sterline per far fronte a 26 mila tamponi da effettuare due volte a settimane in tutte le squadre della Premier.

Ore 8:30 Se la pandemia non verrà controllata a dovere il rischio è di compromettere le Olimpiadi anche nel 2021. A sottolinearlo è stato proprio il presidente del Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Tokyo: “Se la pandemia non sarà sotto controllo nel 2021, i Giochi (olimpici) saranno annullati

Ore 8:00 Il presidente del Consiglio Conte alla stampa: “Tornassi indietro farei tutto uguale. Non sono pentito. Ho una grande responsabilità nei confronti del Paese. Non posso permettermi di seguire i sentimenti dell’opinione pubblica che pure comprendo nelle proprie emozioni. La curva del contagio va controllata in tutti i modi. Ecco perché sono convintissimo che sia meglio procedere sulla base di un piano ben organizzato per minimizzare al massimo il rischio di una ricaduta che sarebbe fatale”.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-05-2020


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Ultrà
Ultrà (@ultra)
1 anno fa

ci mancavano…gli assistenti invasati…delle guardie…in Italia…basta una divisa…invece di investire in tamponi e reagenti per individuare gli asintomatici…

Ultrà
Ultrà (@ultra)
1 anno fa
Reply to  Ultrà

basta una pettorina…per sentirti GesùCristo…

Bologna, falso allarme: nessun caso di Coronavirus

Castan positivo al Coronavirus: in totale 19 contagiati al Vasco da Gama